Un Sogno, un Bambino

+-+-

Contattaci

Argomenti recenti+-

Incinta grazie alla clinica Ferticentro da alessia
Maggio 17, 2019, 09:27:26 am

Una testimonianza di uno dei nostri associati sulla clinica Ferticentro da admin
Aprile 01, 2019, 01:57:23 pm

Precisazioni e particolarità della clinica FERTICENTRO da admin
Maggio 17, 2018, 06:02:55 pm

Tariffe speciali accordate da Ferticentro ai soci di "Un Sogno, Un Bambino" da admin
Maggio 17, 2018, 06:01:22 pm

Sito italiano della clinica in partenariato Ferticentro da admin
Maggio 17, 2018, 05:57:09 pm

La “Beta Hcg” –è l'ormone della gravidanza da admin
Maggio 15, 2018, 03:50:40 pm

La fertilità potrebbe ripartire grazie ad una sostanza estratta da cell vegetali da admin
Maggio 15, 2018, 03:44:02 pm

Focus sull’endometriosi da admin
Maggio 02, 2018, 04:27:13 pm

frutta e verdure per la buona salute vostra?Rischiate di diventare in fertili! da admin
Aprile 19, 2018, 11:18:32 am

Gli spermatozoi “fiutano” l’ovocita. Una scoperta italiana da admin
Marzo 15, 2018, 05:01:14 pm

Gli spermatozoi “fiutano” l’ovocita. Una scoperta italiana da admin
Marzo 15, 2018, 05:00:43 pm

condizioni di accesso al dono di ovociti e trattamenti di PMA in Repubblica Ceca da admin
Febbraio 28, 2018, 11:15:17 pm

Sito italiano della clinica in partenariato Stellart da admin
Febbraio 28, 2018, 10:59:15 pm

pagina Facebook da admin
Ottobre 10, 2017, 12:38:58 pm

Benvenuti nel nostro forum. Come utilizzarlo ? da admin
Ottobre 10, 2017, 12:33:27 pm

La legge 40 del 2004 in Italia: domande e risposte da admin
Agosto 09, 2017, 02:55:23 pm

Reti sociali

E DOPO LA DONAZIONE DI OVOCITI?

 

Alcune domande possono sorgere dopo il trattamento della sterilità con donazione di ovociti.

Qui ci sono alcune questioni (FAQ) tra le più comuni su questo argomento:

Le gravidanze con dono di ovociti sono più rischiose delle gravidanze naturali?

Le statistiche mostrano che il rischio di ipertensione è più elevato nel contesto di una gravidanza con donazione di ovociti. Il rischio di pre-eclampsia, una malattia caratterizzata da alta pressione sanguigna e un eccesso di proteine nelle urine, passa dal 2,8% all'11,2% nelle gravidanze con donazione di ovociti. Questi rischi aumentano con l'età della ricevente.

Il rischio di parto prematuro aumenta con l'età.

È sempre indispensabile comunicare al medico o al ginecologo quando la gravidanza è dovuta a una donazione di ovuli.

Le gravidanze multiple sono spesso più rischiose delle gravidanze singole.

Ci sono più rischi o probabilità di avere una gravidanza gemellare con la donazione di ovociti?

I trattamenti con donazione di ovociti sfociano spesso in nascite multiple, anche se la tendenza attuale è per l'impianto di un embrione solo, perché i mezzi di monitoraggio esistenti consentono di selezionare un embrione di alta qualità (così suscettibile da provocare una nascita) tra tutti gli embrioni fecondati.

Avrò la sensazione di portare in grembo il bambino di un'altra donna?

Questi temi legati alla sfera emotiva e relazionale sono del tutto legittimi e la nostra Associazione organizza gruppi di condivisione per potersi confrontare su tutte le questioni che nascono durante questo percorso. 

Mi potrò considerare come la vera madre di questo bambino?

Portare un bambino in grembo, partorire, allattare, curare, educare, dare amore... sono tutti eccellenti motivi che vi faranno sentire madre a tutti gli effetti, e qualora dovessero sorgere dubbi, del tutto legittimi, li potremmo affrontare nel corso dei nostri gruppi di condivisione. 

Quante strane fantasie, timori circa il bambino che sta per arrivare: come sarà il bambino che nascerà? A chi assomiglierà? E se ci fosse stato un errore durante l'impianto? 

Queste paure dell'ignoto sono normali, ma di solito scompaiono gradualmente durante la gravidanza e con la nascita del bambino in buona salute che sarà il "vostro" bambino. Per rassicurarvi chiedete alla clinica che ha realizzato la donazione di darvi tutte le informazioni legali sulla donatrice. Gli errori riguardanti l'impianto degli embrioni sono ovviamente impossibili in qualsiasi struttura medica seria.

Il mio bambino non avrà nulla di me o della mia famiglia?  

In primo luogo avrà i geni del vostro compagno/marito e soprattutto, anche se non ha i geni di sua madre, le recenti ricerche relative all’epigenetica mostrano che un certo numero di cose "passano" tra l'embrione e la donna che lo porta durante la gravidanza. È un punto molto importante per i genitori e i futuri bambini nati da una donazione. Dedichiamo una sezione a queste scoperte (link alla sezione "epigenetici e donazione di ovuli").

Sentiremo la stessa gioia nel diventare genitori sia da donazione di ovuli, sia da concepimento naturale?

Chiedete a coloro che hanno intrapreso la battaglia contro l'infertilità e affrontato la lunga corsa ad ostacoli che rappresenta la PMA! Avrete una grande probabilità di esprimere la vostra gioia a tutti e di informare tutti della vostra gravidanza! In alcuni casi un certo tempo è necessario prima di creare legami profondi con un bambino neonato, ma non è specifico solo per i figli nati da donazione.

Ci sarà un senso di estraneità dei genitori nei confronti del figlio nato dalla donazione?

C'è sempre una parte di ignoto nella concezione del proprio bambino, ma i genitori accetteranno poi questa parte "ignota" e cercheranno di non alimentarla con fantasie creando così il rischio di destabilizzare il bambino.

Dobbiamo informare il nostro bambino circa la sua origine genetica?

È ovviamente una questione molto personale, delicata e importante per i genitori. In alcuni casi, motivi culturali o religiosi vietano ogni discorso sulla concezione con donazione, perché è assimilata a una forma di adulterio, oppure potrebbe rivelare un'infertilità maschile o femminile, vissuta ancora come vergognosa o tabù.

In molti altri casi l'esperienza dimostra che comunicare la verità è sempre la migliore cosa. Il silenzio, o peggio la bugia, possono alterare il rapporto di fiducia con i genitori se per caso il bambino lo venisse a scoprire in qualche modo... Ancora peggio se lo scoprisse durante l'adolescenza, periodo di fragilità dove ci potrebbero essere delle reazioni offensive e provocatorie verso i genitori. Un bambino non informato sulle sue origini percepisce qualcosa di misterioso e di non chiaro che lo riguarda e potrebbe creargli confusione. I segreti di famiglia prima o dopo scoppiano sempre.

A che età dovremmo informare il nostro bambino?

Un bambino capisce subito, anche se non sembra, e dunque se ne può parlare fin da piccolo in modo adeguato alla sua età. Ci sarà da adeguare le informazioni alla sua età e completarle man mano durante la sua crescita. Instaurare un dialogo sincero e adatto è proprio la miglior cosa da fare. I nostri gruppi di parola si occupano anche di questi aspetti relazionali ed emotivi. Le spiegazioni devono essere semplici e chiare in modo che il bambino non si rappresenti come speciale o diverso dagli altri. Non c'è bisogno di spiegare in dettaglio tutte le difficoltà incontrate nel corso della PMA che hanno portato alla sua nascita. Questo tipo di informazioni non ha alcun interesse per lui. Libri sul tema possono anche aiutare i genitori sulla questione.

È utile dirlo alla famiglia? Agli amici?

Al di fuori di restrizioni culturali o religiose, non c'è nulla di cui vergognarsi per essere ricorsi ad una donatrice al fine di voler creare una famiglia.

I vostri amici saranno felici di sapere della gravidanza, perché di solito sanno da molto tempo del vostro desiderio di diventare madre.

E se mio figlio vuole un giorno ricercare la donatrice?

È nel diritto del bambino poter risalire alle sue origini, usando come modello la legge sulle adozioni. Se, quindi, i donatori accettano di rivelare la loro identità, i nati con eterologa, compiuti i 25 anni, potranno conoscerli. Questa richiesta è legittima ed è semplicemente una curiosità circa la sua identità. 

E soprattutto non dimenticate mai che, grazie a quel dono, la "collana di pasta" fatta a scuola per la “Festa della Mamma” sarà il regalo più bello del mondo...

Utente+-

Benvenuto, Visitatore.
Per favore effettua il login oppure registrati.
 
 
 
Password dimenticata?

Cliniche partner

Facebook


Powered by EzPortal